Nuovo

Assistenza e consulenza per la gestione degli Imballaggi CONAI

N. prodotto: R29200

Disponibile

Non ON-LINE 250,00 €
0,00 / unità
Prezzo più IVA più spedizione


Modalità di spedizione possibili: Ritiro del cliente, Trasmissione in maniera informatica

D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - Nuovo Codice Ambientale

Soggetti obbligati
La disciplina degli imballaggi e dei relativi rifiuti è dettata dai dieci articoli (217-226) che compongono il Titolo II del Dlgs 152/06 (ex Dlgs 22/97. In base all’articolo 221 del D.lgs. 152/06 (ex art. 38 del Dlgs 22/97):
• i Produttori e gli Utilizzatori sono responsabili della corretta ed efficace gestione ambientale degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio generati dal consumo dei propri prodotti;
• i Produttori e gli Utilizzatori adempiono all’obbligo del ritiro dei rifiuti di imballaggi;
a tal fine:
• i Produttori e gli Utilizzatori partecipano al Consorzio Nazionale Imballaggi.

Lo stesso articolo 221 prevede che i Produttori aderiscano a uno o più Consorzi di Filiera (di cui all’art. 223 del medesimo decreto).
In alternativa, i Produttori possono “organizzare autonomamente la gestione dei propri rifiuti di imballaggio” o “mettere in atto un sistema di restituzione dei propri imballaggi […]”.

Produttori di imballaggi
Sono Produttori “i fornitori di materiali di imballaggio, i fabbricanti, i trasformatori e gli importatori di imballaggi vuoti e di materiali di imballaggio”.

Utilizzatori di imballaggi
Sono Utilizzatori “i commercianti, i distributori, gli addetti al riempimento, gli utenti di imballaggi e gli importatori di imballaggi pieni”.
Alla categoria degli Utilizzatori appartengono gli Autoproduttori, ossia coloro che acquistano materie prime e materiali di imballaggio al fine di fabbricare gli imballaggi per confezionare i propri prodotti (diversi dagli imballaggi).

Il Contributo Ambientale CONAI, stabilito per ciascuna tipologia di materiale di imballaggio, rappresenta la forma di finanziamento attraverso la quale CONAI ripartisce tra Produttori e Utilizzatori i costi della raccolta differenziata, del riciclaggio e del recupero dei rifiuti di imballaggi primari, secondari e terziari. Tali costi, sulla base di quanto previsto dal Dlgs 152/06 (ex Dlgs 22/97), vengono ripartiti “in proporzione alla quantità totale, al peso e alla tipologia del materiale di imballaggio immessi sul mercato nazionale”.

Entità del Contributo Ambientale:
Acciaio       15,49 Euro/t  
Alluminio   25,82 Euro/t   
Carta        30,00 Euro/t *
Legno       4,00 Euro/t *
Plastica     72,30 Euro/t*
Vetro        10,32 Euro/t 

*Dal 1° luglio 2008 il Contributo Ambientale della Carta è passato da 30,00 Euro/t a 22,00 Euro/t. 
Dal 1° gennaio 2009 il Contributo Ambientale del Legno passerà dagli attuali 4,00 Euro/ton a 8,00 Euro/ton. 
Dal 1° gennaio 2009 il Contributo Ambientale della Plastica passerà dagli attuali 72,30 Euro/ton a 105,00 Euro/ton. 
       
Le norme consortili prevedono che le somme dovute da tutti i Consorziati, Produttori e Utilizzatori, siano sempre prelevate, sulla base di una specifica indicazione in fattura dell’ammontare dovuto sulla base del peso e della tipologia del materiale di imballaggio oggetto della prima cessione. 

Per prima cessione si intende il momento nel quale: 
• l’imballaggio finito passa dall’“ultimo Produttore” al “primo Utilizzatore”; 
oppure: 
• il materiale di imballaggio passa da un “Produttore di materia prima (o di semilavorati)” ad un “Autoproduttore”. 

Inoltre le stesse norme prevedono che i materiali di imballaggio e gli imballaggi importati dall’estero siano soggetti al Contributo Ambientale in quanto il loro utilizzo darà luogo a rifiuti sul territorio nazionale. 

Aspetti fiscali
Il Contributo Ambientale CONAI esposto nella fattura di vendita rientra nel campo di applicazione IVA e va assoggettato alla medesima aliquota degli imballaggi o dei materiali di imballaggio oggetto della cessione. Pertanto, in caso di cessione di imballaggi ai clienti che hanno presentato dichiarazione di intento ex articolo 8, comma 1, lettera c), del Dpr 633/1972, il Contributo Ambientale sarà applicato in esenzione IVA.

Assistenza e consulenza all'impresa per:
1)  la dchiarazione periodica del contributo ambientale (ANNUALE - SEMESTRALE -TRIMESTRALE a seconda dei quantitativi);
2) altri adempimenti docmentali riguardanti il CONSORZIO;
3) assistenza telefonica e tecnica per la gestione delle problematiche normative (adesione, esenzione, importazione, esportazione, etc).
Cerca questa categoria: Rifiuti-sistri-Conai