Nuovo

Progettazione Antincendio : evacuatori di fumo e calore ai sensi della norma UNI 9494

N. prodotto: R22610

Disponibile

Non ON-LINE 1.800,00 €
0,00 / unità
Prezzo più IVA più spedizione


Modalità di spedizione possibili: Ritiro del cliente, Trasmissione in maniera informatica
Le disposizioni relative alle modalità di installazione degli apparecchi evacuatori di fumo e calore sono state fissate dal decreto del Ministero dell'Interno del 20 dicembre 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 21 del 25 gennaio 2002.
 
Cosa sono
Gli evacuatori di fumo e di calore sono apparecchiature fondamentali nella protezione attiva contro gli incendi e sono destinate ad assicurare, in caso di incendio, l'evacuazione dei fumi e dei gas caldi con capacità predeterminata e con funzionamento naturale.
 
A cosa servono
I benefici più importanti che tali apparecchiature apportano in caso di incendio, sono i seguenti:
-mantenere le vie di fuga libere da fumo permettendo lo sfollamento delle persone e l'agevole intervento dei soccorsi,
-creare un'area libera da fumo facilitando le operazioni di spegnimento dell'incendio con la creazione di un'area libera dal fumo;
-prevenire, ritardare o evitare lo sviluppo totale dell'incendio;
-proteggere le attrezzature, gli arredi ed il loro contenuto;
-ridurre le deformazioni subite dagli elementi strutturali in seguito all'innalzamento della temperatura;
-ridurre i danni causati dai prodotti della combustione e dai gas caldi .
 
Gli evacuatori di fumo e calore sono installati per convogliare all'esterno fumo e gas caldi (che hanno la tendenza a salire verso l'alto) e devono essere in grado di aprirsi e rimanere aperti durante un incendio , anche con condizioni atmosferiche e climatiche sfavorevoli.
Per un buon "tiraggio" degli evacuatori di fumo e calore è necessaria la presenza di opportune aperture per l'immissione di aria nella parte bassa del locale.
 
Come sono fatti
Un apparecchio evacuatore di fumo e calore è costituito da:
- basamento e sistemi di fissaggio alla copertura
- elemento mobile
- dispositivo di apertura automatico individuale
- dispositivo di apertura a distanza: può essere automatico o manuale
 
Il dispositivo di apertura individuale (sempre asservito ad un elemento termosensibile può essere: meccanico (con molle o contrappesi), elettrico o pneumatico (l'energia di apertura viene fornita da un bomboletta di CO2 compressa installata su una valvola munita di perforatore comandato da un elemento termosensibile) .
 
Analisi del fabbisogno del fabbricato di ventilazione naturale antincendio in caso di sviluppo gas e fumi provocati dalla combustione
Cerca questa categoria: Progettazione