Valutazione del rischio: LAVORO IN AMBIENTE CONFINATO


Nuovo

Valutazione del rischio: LAVORO IN AMBIENTE CONFINATO

N. prodotto: R20730

Disponibile

Non ON-LINE 1.200,00 €
0,00 / unità
Prezzo più IVA più spedizione


Modalità di spedizione possibili: Ritiro del cliente, Trasmissione in maniera informatica
D.Lgs.81/2008 e Circolare del Ministero del Lavoro n.42 del 09/12/2010 - Protezione dai rischi connessi ai rischi determinati da lavori effettuati in AMBIENTI CONFINATI:
Per spazio confinato si intende un qualsiasi ambiente limitato, in cui il pericolo di morte o di infortunio grave è molto elevato, a causa della presenza di sostanze o condizioni di pericolo (ad es. mancanza di ossigeno).
Gli spazi confinati sono facilmente identificabili proprio per la presenza di aperture di dimensioni ridotte, come nel caso di: 
- serbatoi;
- silos;
- recipienti adibiti a reattori;
- sistemi di drenaggio chiusi;
- reti fognarie.
 Altri tipi di spazi confinati, non altrettanto facili da identificare ma ugualmente pericolosi, potrebbero essere: 
- cisterne aperte;
- vasche;
- camere di combustione all'interno di forni;
- tubazioni;
- ambienti con ventilazione insufficiente o assente.
 
Verrà analizzato lo stato di fatto, insieme al datore di lavoro, nell'affrontare i potenziali rischi in questi ambienti speciali sospetti di inquinamento: verranno prese in considerazione:
- la pubblicazione INAIL "Norme di sicurezza per lavorare negli spazi confinati";
- la pubblicazione INAIL "Rischi specifici nell'accesso a silos, vasche e fosse biologiche, collettori fognari, depuratori e serbatoi utilizzati per lo stoccaggio e il trasporto di sostanze pericolose";
- Note informative regionali;
- la pubblicazione ASSOGASTECNICI dal titolo "Pericoli relativi ai gas inerti ed alla carenza di ossigeno".
Cerca questa categoria: Altri Rischi